Curiosità sul cubo più famoso al mondo

Erno Rubik, l’inventore del cubo magico, impiegò più di un mese a risolvere la sua stessa invenzione.

– Il Cubo di Rubik più piccolo al mondo è largo appena 10 mm ed è stato realizzato dal russo Evgeniy Grigoriev. È completamente funzionante e può essere usato come un normale cubo. Il più grande mai costruito si trova a Knoxville, pesa ben 500 chilogrammi ed è altro 3 metri.

– Avendo a disposizione tanti cubi di Rubik quante sono le sue possibili configurazioni, sarebbe possibile ricoprire la superficie della Terra 275 volte.

– Il Cubo di Rubik più costoso al mondo è stato realizzato nel 1995 dalla Diamond Cutters International, è composto da rubini, smeraldi, oro e ametista, il suo valore è ben oltre 1,5 milioni di dollari, una volta risolto ogni faccia mostra un diverso tipo di gemma: 34 carati di rubini, 34 di smeraldi e 5.22 di ametista.

– Matematicamente parlando il Cubo di Rubik può essere considerato un gruppo con un numero di combinazioni possibili che si possono ottenere (nella configurazione di cubo 3×3) pari a 43.252.003.274.489.856.000 (43 miliardi di miliardi), numero che viene fuori dalla seguente formula matematica:

 

– Per i non vedenti esiste anche una versione del cubo di Rubik in Braille.

– Il primi torneo mondiale dedicato al Cubo di Rubik si tenne nel 1981 a Monaco. Fu organizzato dalla Guinness Record Organization, il record fu realizzato da Jury Froeschl che risolse il cubo in 38 secondi, oggi sappiamo che il record appartiene all’australiano Feliks Zemdegs, classe 1995, detentore di 3 record mondiali, miglior tempo: 4.22 secondi

– Si stima che dalla sua nascita siano stati venduti oltre 350milioni di esemplari, se immaginassimo di collegare tutti i cubi uno dopo l’altro, otterremmo una cinta capace di collegare i due poli terrestri da un capo all’altro.

– La mania per il cubo ha portato a cercare di risolverlo nei più svariati modi: c’è il tizio che impiega 25 secondi per risolverlo ma facendo in contemporanea flessioni con l’altra mano; in Cina un bambino di tre anni ha risolto il puzzle in meno di due minuti; e poi c’è chi impiega dieci minuti adoperando il capezzolo. Vako Marchelashvili, è invece uno studente georgiano che  è riuscito a risolvere sei cubi di Rubik in totale apnea sott’acqua (vedi qui il video); adesso il ragazzo aspetta il vaglio della sua prova per diventare Guinness World Record.   Incredibile anche la performance dell’italiano Ivan Milocco che, in occasione della Red Bull Rubik wings challenge, ha risolto il Cubo a testa in giù durante un volo acrobatico sull’aliante con il campione di specialità Luca Bertossio (guarda il video).

– Nel 1981, il gruppo pop britannico, The Barron Knights pubblicò una canzone intitolata Mr. Rubik, in onore proprio del magico cubo che imperversava in quegli anni. La canzone apparve nel loro album Twisting The Knights Away.