Il meccanismo che ne regola il funzionamento

Nella sua versione originale, ogni lato del cubo di Rubik misura 5,4 cm. Il cubo si compone di 26 cubetti che presentano una struttura interna non visibile, questi ultimi sono impiegati per consentire a ciascun pezzo di incastrarsi con gli altri, garantendo nel contempo il libero movimento nelle diverse posizioni possibili. I pezzi centrali di ogni singola faccia del cubo consentono agli altri cubi più piccoli di fissarsi ad essi e potersi muovere. I 21 pezzi distinti sono quindi identificabili in un pezzo centrale con tre assi intersecati fra di loro, che mantiene bloccati – lasciandoli comunque ruotare – i sei quadrati centrali; i restanti 20 pezzi si agganciano al pezzo centrale per andare a formare il cubo completo. Nei cubi professionali, tipicamente quelli impiegati per compiere le gare di velocità nella risoluzione, è possibile regolare la tensione/frizione del cubo a seconda delle proprie necessità; questo particolare meccanismo non è presente nella versione originale del Cubo di Rubik.